Andrzej Dragan : Accento macabro da Post Produzione

Andrzej Dragan

Accento macabro da Post Produzione

Giovane fotografo polacco, laureato in fisica quantistica che lavora come assistente presso l’università di fisica di Varsavia , Andrzej Dragan fà del lavoro in post produzione il punto di forza della sua sua espressione artistica .  L’elaborazione informatica gli consente di reinventare il ritratto che non appare più come semplice riproduzione della realtà, ma diviene interpretazione credibile, spesso metaforica . Appassionato dei film del regista David Lynch , in special modo per Lost Highway – ‘Strade perdute‘ , è facile riconoscere nello stile ” Dragan ” come certe inquadrature e strategie visive particolarmente stranianti rispecchino lo stile tormentato e visionario del regista americano, mirando anch’esse ad avvolgere l’osservatore in disagevoli spire di vertigini interpretative.

Ed è sempre da Lost Highway che Dragan trae una frase che fa propria “ Mi piace ricordare le cose a modo mio. E come le ricordo non coincide necessariamente con il modo in cui realmente erano quando accaddero”

Dice di se riguardoi suoi lavori  “Il processo di post-produzione digitale è, per certi versi, un metodo che si avvicina alla pittura, perché è come se usassi un pennello – solo che il mio pennello è digitale. Non aggiungo cose nuove, mai, piuttosto aumento, esaspero certi aspetti dell’immagine: i contrasti, per esempio, o la visibilità di alcuni dettagli, come gli occhi o le rughe. Spesso cambio lo sfondo. Altre volte creo un montaggio di più fotografie dello stesso soggetto – magari di una mi interessa la bocca, di un’altra gli occhi, e le uso per ricomporre il volto. È molto semplice: se vuoi raggiungere un certo effetto, devi spendere molto tempo a lavorarci, e se non lo fai quando scatti, perché non vuoi che il modello si stanchi, devi farlo dopo, da solo …”

“La fotografia non ha nulla a che fare con il mio vero lavoro, è un hobby che, al pari di tutte le cose che faccio, deve divertirmi. Non sono uno che gira sempre con la macchina fotografica al collo, né uno dal clic facile. Realizzo pochissime immagini, e solo quando capisco di essere di fronte al soggetto “giusto”. Il vero lavoro comincia dopo, quando mi metto all’opera dedico molta attenzione e molta pazienza “

Approfondimenti e fonti :

http://www.andrzejdragan.com/

Intervista a cura di Paolo Fontana

Allegories & Macabresques

3 responses to this post.

  1. Posted by valeriok on febbraio 15, 2010 at 9:50 pm

    Andrzej Dragan, ne avevo già sentito parlare ma poi, a causa anche del suo nome non certo facile da ricordare, ne avevo perse le tracce.
    Grazie Mus4shi per l’ articolo…….cmq questo è un artista veramente IMPRESSIONANTE nel vero senso della parola, un ritrattista da PAURA.

    Rispondi

  2. Posted by mus4shi on febbraio 15, 2010 at 10:15 pm

    ciao valerio .
    ti consiglio di dare uno sguardo al suo sito internet .( me lo ha consigliato oggi francesco )
    Trovi il link in fondo all’articolo oppure puoi accederci da questo link . http://www.andrzejdragan.com/

    Buona visione

    Rispondi

  3. Andrzej Dragan,secondo me uno dei più grandi postproduttori fotografici attualmente in circolazione.Le sue non sono semplici fotografie, sono opere d’arte uniche.La cura maniacale del dettaglio e l’esasperazione dell’immagine lo fanno somigliare più a un pittore che a un fotografo.
    Gran pezzo bella Mu4shi…

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: